Monitoraggio


Il monitoraggio con le onde guidate

        L’ispezione con le onde guidate viene realizzata ad intervalli di tempo predeterminati raccomandati dalle autorità governative che spesso possono essere diversi dai requisiti di manutenzione e sicurezza degli impianti. Essendo una tecnica di screening, il monitoraggio con le onde guidate è necessario durante il normale funzionamento degli impianti, prima della loro interruzione pianificata. in questo modo rimane a disposizione un ampio intervallo di tempo che può essere utilizzato per la pianificazione degli interventi di manutenzione, molto prima dell’interruzione effettiva degli impianti, mentre i tempi di fermo della produzione vengono considerabilmente ridotti.

        Il sistema MsS presenta un numero di vantaggi per quanto riguarda il monitoraggio a lungo termine rispetto ai sistemi basati su elementi piezoelettrici come sono il GUL Wavemaker e Teletest. Per il fato che il sistema MsS usa i sensori di tipo magnetostrittivo, i benefici del sistema possono essere elencati come segue:

  • Il costo delle sonde MsS è sensibilmente ridotto rispetto ai collari piezoelettrici 
  • La sonda è leggera (meno di 0.5 kg per la sonda da 24”) e quindi la sua installazione è relativamente facile. 
  • E’ facilmente installabile su strutture per monitoraggio permanente. 
  • Non esiste un limite per quanto riguarda il diametro massimo delle condutture, mentre le sonde si possono preparare sul luogo dagli operatori. 
  • E’ necessario uno spazio di accesso ridotto (25mm) intorno alla conduttura. 
  • Le sonde MsS sono utilizzabili su tubazioni con temperature di esercizio molto elevate (fino ai 500°C). 


        
        Nel monitoraggio con le onde guidate, la sonda MsS è installata permanentemente in una zona della struttura predisposta a effetti corrosivi e si segue la seguente procedura: 

  • Si acquisisce il segnale iniziale o di base (baseline) 
  • Si acquisiscono i dati a intervalli regolari di tempo 
  • Ogni segnale acquisito viene confrontato con quello iniziale, il così detto baseline 
  • Si identificano i cambiamenti comparsi nel tempo. 


        I vantaggi del monitoraggio a lungo termine a confronto con l’ispezione sono i seguenti: 

  • Si ottengono rapidamente nuovi dati dalle sonde già predisposte. 
  • Lievi variazioni nella condizione strutturale si possono osservare. 
  • Si possono rilevare difetti nello stato iniziale, nonché la loro crescita nel tempo e difetti nelle caratteristiche geometriche come le saldature, i supporti, le morse. 
  • Non è più necessario rimuovere il rivestimento o l’isolamento o il terreno nel caso di tubazioni interrate, con l’eccezione del momento dell’installazione iniziale della sonda. 
  •  Permette il controllo durante il normale servizio dell’impianto, anche a temperature elevate o di condutture sospese, o comunque inaccessibili. 
  • Permette di risparmiare tempo per gli interventi di manutenzione e di ridurre i tempi di inattività dell’impianto.